Lo scorso settembre in Municipio abbiamo affrontato la questione di via Canale e via Sapeto a San Martino dove il collegamento alla parte alta del quartiere è assicurato solo da poche corse di un piccolo bus di otto posti. La questione è molto sentita dagli abitanti della zona che è frequentata da bambini, famiglie, anziani, operatori scolastici e sanitari in quanto in zona sono presenti sia un un istituto scolastico che una RSA.

A settembre la Commissione aveva impegnato la giunta “ad informarsi presso AMT sui motivi del taglio alle corse e sulla possibilità di implementazione”. Neanche a dirlo da allora la giunta non ha fatto più nulla o perlomeno non ne abbiamo saputo più nulla.

Nel corso della medesima commissione era stato richiesto di verificare la possibilità di riattivare un ascensore chiuso da lungo tempo e la cui apertura avrebbe grandemente alleviato il disagio degli abitanti. A questa richiesta l’assessore Viale ci aveva risposto dicendo chel’ascensore di via Canale è privato e la proprietà non ha intenzione di aggiustarlo per rimetterlo in uso”.

Non contenti di questa risposta siamo andati ad indagare ed abbiamo scoperto che in realtà l’accesso all’ascensore è pubblico e con questa notizia, nei giorni scorsi, abbiamo presentato una mozione che speriamo di riuscire a discutere in municipio al più presto; perlomeno quando la maggioranza deciderà di riaprire i lavori di commissioni e del consiglio che sono fermi da prima di Natale.

Nel frattempo oggi la nostra portavoce comunale Maria Tini ha portato la questione in Comune e non ci ha stupito affatto che l’Assessore Balleari non sapesse neanche dell’esistenza di questo ascensore. Probabilmente se l’Assessore e questa maggioranza fossero meno impegnati nella loro campagna elettorale avrebbero più tempo per interessarsi fattivamente dei problemi del loro territorio.

Condividi questo articolo: